Il saluto del nuovo Presidente degli Anatroccoli e Giovani di Fontebranda | Nobile Contrada dell'Oca

Nobile contrada dell'Oca

Il saluto del nuovo Presidente degli Anatroccoli e Giovani di Fontebranda

Dopo 16 anni di economato mi accingo ad affrontare una nuova avventura all’interno della mia Contrada, un’avventura che fine a qualche giorno fa non avrei mai creduto possibile.

Oggi, tuttavia, mi sento davvero onorato e felice di essere stato scelto per guidare, come Presidente, il Consiglio degli Anatroccoli e Giovani di Fontebranda. 

A dire la verità, quando ho ricevuto la chiamata di Francesco, il nostro Governatore, ho intuito che volesse chiedermi di mettermi a disposizione della Contrada e infatti, come ho sempre fatto, mi sono subito precipitato in sala Fontani, perché  “quando l’Oca chiama …. bisogna rispondere!!!”

Non nego, però, che nel recarmi all’incontro con il Governatore e il Vicario, ho iniziato a riflettere sulla mia vita quotidiana, già piena di impegni, insomma… le solite cose …. il lavoro, la famiglia ecc. Mi ero anche convinto di avere ottimi motivi per non rendermi disponibile a qualunque cosa mi fosse stata chiesta. Tuttavia, non appena entrato in sala Fontani, ricevuta la fatidica domanda: “Sandro che ne dici di fare il Presidente degli Anatroccoli e Giovani di Fontebranda?” beh, che dire…  Sono stato invaso da un’esplosione di ricordi, di sentimenti, di emozioni, che hanno decisamente preso il sopravvento sulla parte razionale.

Ho pensato a Pasero, Ferruccio, Attilio e altre care persone radicate nella mia memoria e nel mio cuore.  Se torno indietro nei miei ricordi di bambino, magari non mi viene in mente di aver partecipato ad una attività in particolare, resta invece vivo e pieno di affetto  il ricordo di tanti consiglieri e Presidenti che mi sono stati vicini nei miei anni da Anatroccolo e di Giovane di Fontebranda, insegnandomi che la vita in Contrada è fatta di condivisione e tanti di sacrifici ma che poi, alla fine, diventano altrettante soddisfazioni.

Ho pensato a loro, a tutte quelle persone che nella lunga e gloriosa storia di questa grande Contrada hanno dedicato il loro tempo ai  bambini, ai giovani, contribuendo così a costruire il futuro della Contrada stessa.

Questa è la mia speranza e il mio principale proposito, che gli attuali bambini e giovani ricordino me come io ricordo i miei predecessori e imparino, divertendosi, a prendersi cura della nostra Condrada.

Per questo, pur nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, tutto il  Consiglio ed io siamo pronti a tirarci su le maniche e non vediamo l’ora di  iniziare a lavorare  per dare seguito a tutto il grandioso lavoro fatto dal precedente Consiglio, che ci ha lasciato in eredità un gruppo di bambini e ragazzi meraviglioso.

Un abbraccio a tutti

Il Presidente degli Anattroccoli e Giovani di Fontebranda 

Alessandro Scarpelli

vedi anche