La solidarietà al tempo del COVID-19 | Nobile Contrada dell'Oca

Nobile contrada dell'Oca

La solidarietà al tempo del COVID-19

Se qualcosa di buono può aver portato questo virus è sicuramente l’aver risvegliato il vero senso delle Contrade, la solidarietà e il mutuo soccorso. Fin dall’inizio dell’emergenza, da metà marzo, il Comune di Siena non ha potuto che individuare nelle Contrade, e nei relativi gruppi di solidarietà, gli interlocutori primari per un grande progetto di assistenza che ha riguardato tutta la città e i comuni limitrofi. Sotto il patrocinio dell’amministrazione comunale è nata una rete di supporto congiunto tra le consorelle e gli enti assistenziali coordinata dal Magistrato delle Contrade. La Commissione La Centenaria della Nobile Contrada dell’Oca non si è tirata indietro, e dopo aver individuato responsabili e volontari per partecipare al progetto e organizzare le attività da esso previste, ha messo in moto la sua macchina “solidale” per aiutare le persone più bisognose. Le prime attività svolte sono state l’attivazione della consegna della spesa ai contradaioli in difficoltà, ovvero a coloro che per motivi di salute o di età risultassero impossibilitati a recarsi fuori autonomamente, considerate anche le limitazioni agli spostamenti, e la consegna di generi di prima necessità alle persone in stato di bisogno identificate dalla Caritas. Mentre alcuni di noi si preoccupavano di garantire la spesa ai contradaioli che ne avevano fatto richiesta, il nostro Ape sfrecciava dentro e fuori le mura per assicurare la dovuta assistenza alle famiglie affidategli. Con il tempo, un’altra attività si è aggiunta per ottemperare all’obbligo imposto dalla Regione Toscana sull’uso della mascherina nei luoghi pubblici. Coordinati come sempre dal Magistrato delle Contrade, in due giorni abbiamo consegnato migliaia di mascherine in tutto il territorio del rione, a Ocaioli e non. Così come abbiamo in ultimo provveduto alla consegna dei sacchi per la raccolta differenziata sempre nel nostro territorio, su richiesta del Comune e per evitare assembramenti presso l’ufficio preposto. Le nostre attività sono ancora in corso, la consegna dei sacchi non è terminata e l’emergenza, seppur attenuata dalle recenti riaperture, continua. Per questo il nostro contributo e la nostra disponibilità non finiscono qui, ma sono pronti a tutte le eventuali e future iniziative che il Comune e il Magistrato delle Contrade sapranno individuare finché tutto sarà tornato alla normalità, nella speranza che questo accada il prima possibile.

Marco Morselli

vedi anche